Maschera black head? Meglio un classico trattamento viso. - News - Sanybei - Centri etetici Sanybei

Logo Sanybei
Vai ai contenuti

Menu principale:

Maschera black head? Meglio un classico trattamento viso.

Centri etetici Sanybei
Pubblicato da in centro estetico Torino ·
Tags: centroesteticotorinopuliziavisoblackmaskpuntineri
 
Negli ultimi tempi sta spopolando sul web un nuovo prodotto per la pulizia del viso dall’insolito colore total black. Una maschera color carbone dal seducente (e sedicente) potere miracoloso contro le impurità della pelle. Video e tutorial mostrano come usarla: applicata sul viso, la cosiddetta black head (o black mask) aderisce sulla pelle portandosi via brufoli e punti neri con una facile rimozione.

 
Ma sarà davvero così?
 
L’efficacia della black head viene da molti messa in discussione. Molte le perplessità degli esperti, che piuttosto di un semplicistico trattamento fai da te suggeriscono un efficace, veloce e spesso più economico trattamento viso in un centro estetico professionale.
 
Black mask: perché non funziona. 5 motivi per diffidare:

 
1. Questione di pori
 
Per realizzare un trattamento viso davvero efficace e duraturo è fondamentale prima di tutto agire sui pori della pelle. Come già detto in articoli precedenti sull’argomento (vedi trattamento viso Torino) i pori vanno dilatati a dovere con l’ausilio del vapore o di un asciugamano caldo. La maschera salta questo passaggio preliminare, essenziale per un trattamento viso che si rispetti.

 
2. Punti neri, impurità ‘impegnative’
 
Rimuovere i punti neri con una tecnica che ricorda un po’ una ceretta lascia molti interrogativi. Innanzitutto, i punti neri sono leggermente incavati rispetto alla superficie della pelle. È molto difficile dunque che la black head aderisca perfettamente su tutto il viso senza lasciarsi dietro qualche imperfezione. Oltre a questo si aggiunge il fatto che i punti neri non sono esattamente solidi. La testa nera ossidata infatti nasconde un corpo di natura semiliquida, impossibile da rimuovere semplicemente sperando resti incollato alla maschera.

 
3. Trattamento viso, un processo articolato
 
Un trattamento viso serio, professionale e duraturo prevede una serie di passaggi precisi per raggiungere un risultato perfetto. La black mask assolve a una sola funzione, la rimozione, trascurando tutto l’importante procedimento di una pulizia del viso standard.

 
4. Occhio alla truffa!
 
La popolarità della maschera black head ha spinto molte imprese (americane e asiatiche) a cavalcare l’onda della moda entrando sul mercato con prodotti scadenti, fatti con una buona dose di colorante nero. Altro che prodotto miracoloso: spesso il risultato è poco più di un colorante spalmato sul viso.

 
5. Prova pratica: fallita
 
Per provare la veridicità di video e tutorial in rete, gli esperti del centro estetico Sanybei di Torino (quartiere Pozzo Strada) hanno testato la sedicente black mask senza riscontrare gli effetti annunciati. Per la pulizia del visto quindi la machera sembra concretamente non funzionare.

La soluzione? Una pulizia del viso seria, veloce e professionale
 
In conclusione, quando si parla della propria salute e bellezza, è sempre importante affidarsi alle mani degli esperti. I centri estetici Sanybei ti offrono una vasta gamma di trattamenti pulizia viso. Veloci, efficaci e sicuri, ideali non solo per combattere acne e punti neri, ma anche per donare un aspetto più giovane alla pelle o distendere le rughe.

 
Spesso i prezzi di una pulizia del viso possono variare a seconda dei centri estetici o lievitare a seconda dei trattamenti aggiuntivi. In tutti i centri estetici Sanybei puoi avere una pulizia del viso professionale a soli 20 euro. Un’offerta chiara, economica e senza sorprese.
 Trovi il centro estetico Sanybei di Torino all’angolo tra corso Trapani e corso Peschiera, in quartiere Pozzo Strada. Vieni a trovarci per conoscere le offerte o consulta la pagina Sanybei



Nessun commento

Copyright Sanybei SNC di Becchis Luigi e C. - P.iva 073305900 - Tutti i diritti sono riservati
Copyright Sanybei SNC di Becchis Luigi e C.
Torna ai contenuti | Torna al menu